martedì 1 maggio 2012

Io ballo nel fango

In questi giorni di pioggia ho incontrato una sorpresa e ho ballato nel fango, ma a dire il vero non tanto come una principessa dei piselli nani che stanno crescendo nell'orto quanto piuttosto come un giocatore di rugby che ha appena segnato punto. 
Io non ho segnato nessun punto ma i girasoli sì. 

I girasoli che ho piantato l'anno scorso e che hanno vissuto fieri con me, la gatta e le api nell'orto hanno dato nuovi germogli tutti da soli. 
I moltissimi semi caduti a terra dalle grandi teste sono stati mangiati per la maggior parte dagli uccelli, non li avevo raccolti per tempo e non ci pensavo più, ripromettendomi al più presto di seminarne altri da capo. 
E invece li ho trovati lì, sul campo già belli spuntati e forti, dopo il gelo di questo inverno, uno qua e uno là, in tutto sedici! 




Per questo ho festeggiato inzaccherandomi le scarpe nella terra molle di imperterrita pioggia e ho preparato un nuovo terreno in cui trapiantare i girasoli, anche perché nel frattempo in quella parte di orto avevamo piantato le cipolle. 





E così anche quando sono stanca, quando sono distratta, quando sono in letargo, i semi mi fanno gli stupori e io sorrido tanto!

Nessun commento:

Posta un commento